June 10, 2019

Come realizzare uno stand invitante

Le fiere e le mostre mercato sono un’ottima opportunità per trovare nuovi clienti, scoprire i trend emergenti nel settore e far conoscere il proprio marchio. Scopri come creare connessioni durature.

1. Scegli la fiera più adatta al tuo business

Partecipare a una fiera o a una mostra mercato può rappresentare un enorme passo in avanti per la tua attività commerciale poiché può portare nuove idee e nuovi clienti, diffondere la conoscenza del tuo brand e aggiornarti su quello che fa la concorrenza. Inoltre, questo tipo di esperienza ti dà la chance di fare marketing diretto nei confronti di persone che sono già interessate al tuo tipo di attività per scoprire che cosa interessa ai tuoi potenziali clienti.

Ma a fronte di tanti aspetti positivi, la partecipazione a una fiera richiede anche un significativo investimento sia in termini finanziari che di tempo, quindi ti consigliamo di considerare attentamente se sia la mossa più adatta al tuo business in questo momento. È facile farsi prendere dall’entusiasmo quando viene annunciato un evento, ma per ottenere risultati positivi bisogna essere razionali e pensare in maniera strategica.

Sei pronto a partecipare a un evento?

Se soddisfi tutti i punti del nostro elenco, sei pronto a partecipare a un evento.

Considera i costi

Analizza il costo della prenotazione e dell’allestimento dello stand e prepara un budget.

Prepara i materiali di marketing

Fai scorta di materiale da distribuire come Flyer, Biglietti da visita e Adesivi, e ricorda di tener conto del costo della progettazione dello stand, specialmente se pensi di avvalerti di un professionista.

Scegli il personale

Chi lavorerà allo stand? Quanto costerà il tempo dei collaboratori e che cosa farebbero altrimenti in quel tempo?

Scegli i tuoi principali prodotti e servizi

Su cosa ti concentrerai all’evento? Hai un prodotto “protagonista” che meglio rappresenta il tuo marchio, o un prodotto di successo di cui vuoi aumentare le vendite?

Fissa degli obiettivi

Che cosa vuoi ottenere da questa esperienza? Come saprai se l’investimento è stato proficuo?

Fai una ricerca sulle varie opzioni e scegli l’evento più adatto a te

Se ritieni che sia il momento giusto per partecipare a una fiera, ti consigliamo di dedicare un po’ di tempo a scegliere con cura l’evento adatto per ottenere un’esperienza e dei risultati ottimali. Ecco alcuni suggerimenti per scegliere la fiera giusta:

Individua il tuo pubblico di riferimento

Questo ti aiuterà a restringere le possibilità. Ad esempio, preferisci un pubblico B2B o B2C? Speri di concludere delle vendite alla fiera o ti poni l’obiettivo di far conoscere il tuo brand e vedere che cosa fa la concorrenza?

Aggiornati sugli eventi

Iscriviti a siti specializzati in networking ed eventi come Eventbrite e Meetup.com per sapere che cosa succede a livello locale.

Iscriviti alle comunità online

I social media sono utilissimi per trovare informazioni e consigli sugli eventi nel tuo settore. Cerca i gruppi Facebook di società che organizzano eventi e di operatori commerciali del tuo settore. Spesso si tratta di gruppi chiusi o privati per i quali si deve inoltrare una richiesta di registrazione.

Esplora la tua zona

Sfrutta risorse locali come la Camera di commercio, corporazioni e società e perfino la biblioteca e i gruppi comunitari per trovare potenziali eventi.

2. Promuovi la tua presenza all’evento

Marketing anticipato

Preparati al grande giorno con una campagna di marketing per informare i potenziali clienti della tua presenza all’evento:

Social media

Sono un’ottima piattaforma per creare interesse. Menziona regolarmente il tuo stand e offri anteprime e indizi su cosa sarà disponibile. Trova l’hashtag dell’evento e utilizzalo in tutti i relativi aggiornamenti su Twitter, Facebook e negli altri canali. Potresti anche creare un’offerta speciale per i clienti che ti trovano attraverso i social media. In questo modo, non solo attirerai più visitatori al tuo stand, ma vedrai anche quali canali usano i tuoi clienti per seguirti.

Pubblicità

Un’altra opzione efficace, a seconda del budget. Considera le riviste del settore, soprattutto per le fiere e le mostre mercato frequentate dagli addetti al settore, e chiedi agli organizzatori se ci sono spazi pubblicitari nell’opuscolo o sul sito dell’evento.

Notiziari via email

Usa il tuo notiziario per dare informazioni più dettagliate dell’evento, comprese date e orari, l’ubicazione dello stand e il programma: dimostrazioni, incontri con gli esperti, laboratori senza iscrizione o l’anteprima di nuovi prodotti o servizi.

Packaging

Se vendi prodotti fisici, potresti inserire un Flyer nei pacchi per promuovere la tua presenza all’evento. Prova ad offrire uno sconto esclusivo: ad esempio, il rimborso del biglietto o lo sconto del 10% sugli acquisti effettuati presso lo stand.

Elabora dei messaggi da trasmettere

Oltre a pianificare in anticipo, pensa al dopo evento. I partecipanti torneranno a casa con tante nuove idee e informazioni, avendo visto tante aziende e assorbito tante idee, quindi ti consigliamo di sfruttare questo senso di entusiasmo.

La strategia ottimale prevede di inviare messaggi semplici e specifici, focalizzati su un prodotto o un servizio specifico, oppure di comunicare un messaggio di marketing integrato nella progettazione del tuo stand.

Pensa all’elevator pitch relativo al tuo marchio: un riepilogo conciso che spiega chi sei e cosa fai. Contiene tutto ciò che vuoi che i partecipanti ricordino di te, anche se dimenticano tutto il resto. Assicurati che il personale presente all’evento sia al corrente del messaggio da veicolare e ricorda anche a loro il contenuto dell’elevator pitch.

3. Crea uno stand invitante

Scegli un design accattivante

Lo stand dovrà mostrare con chiarezza il brand e il suo messaggio se vuoi che le persone vengano a parlarti. In caso contrario, rischi di diventare una delle innumerevoli penne brandizzate in una delle borse di tela anch’esse brandizzate.

Uno stand esteticamente attraente e professionale è un ottimo modo di mostrare ai tuoi clienti la personalità del tuo marchio. Inoltre, con uno stand ben progettato, riuscirai sicuramente a distinguerti dalla folla.

E questo non deve essere necessariamente un costo una tantum: se intendi partecipare a più fiere, infatti, vale la pena usare i migliori materiali che ti puoi permettere, per mostrare la tua serietà commerciale e per poi riutilizzare i materiali nei punti vendita, per fotografie o display temporanei.

È consigliabile affidare la progettazione a un designer?


Per molte aziende, il coinvolgimento di un esperto di design per la progettazione dello stand è la scelta migliore, ma ciò non toglie che anche uno stand auto prodotto può riscuote un grande successo. Tuttavia, data l’importanza delle impressioni visive iniziali, un display realizzato da professionisti può essere un investimento valido, per non parlare del risparmio di tempo che questa opzione implica. Ecco alcuni consigli per scegliere un progettista.

Raccomandazioni personali

Spesso designer e illustratori trovano i loro clienti localmente, specialmente se sono freelancer o piccole agenzie. Se vedi dei lavori che ti piacciono, chiedi a chi li ha commissionati chi li ha realizzati e com’è stato il servizio e la puntualità.

Chiedi più preventivi

Contatta vari designer non solo per ottenere il prezzo più basso, ma anche per verificarne le modalità di comunicazione e di approccio al progetto. Se troverai la persona giusta, l’intero processo sarà più semplice e divertente.

Domande da porre ai potenziali designer

Prima di scegliere un designer per lo stand, ti consigliamo di fare le seguenti domande:

 

  • Come si fanno pagare? Fatturano un unico importo o si fanno pagare a ore? Esigono il pagamento anticipato o dopo il completamento del progetto?
  • Le direttive. Per ottenere un buon risultato creativo bisogna fornire buone direttive, quindi chiedi al designer come preferisce iniziare il progetto: con una riunione, una telefonata o un documento scritto? Dai più informazioni possibili, di modo che entrambi abbiate un’idea chiara del risultato finale.
  • Feedback e modifiche. Tieni conto di eventuali modifiche nel preventivo, così se qualcosa non è come desideri, puoi chiedere al designer di apportare delle modifiche senza costi supplementari.

Che caratteristiche ha uno stand di successo?

È nel luogo giusto

Per ricevere il numero massimo di visite, analizza con qualche mese di anticipo lo spazio dove si tiene l’evento. Dove sono in programma gli eventi e le presentazioni più pertinenti al tuo settore? Puoi ottenere uno spazio lì vicino? Anche se costa di più, scegli una buona ubicazione perché potrebbe portare affari molto redditizi in futuro.

Offre omaggi

A tutti piace ricevere omaggi alle fiere, ma non limitarti a regalare caramelle e chiavette USB. Un approccio originale ti renderà memorabile ed è un modo efficace per rompere il ghiaccio. Sfrutta i tuoi punti di forza. Ad esempio, se nel tuo team c’è una persona brava a fare i dolci, offri dei mini cupcake con sopra il tuo logo, oppure, sei hai talento nel design, regala dei bei Adesivi con il tuo brand da mettere sui PC portatili.

Offre un’estrazione a premi

Invece di distribuire omaggi a tutti i visitatori, potresti usare il budget per un grosso premio, come una fotocamera o una cena per due, e cogliere quest’occasione per raccogliere i dati di contatto dei partecipanti. Questo ti darà l’opportunità di intraprendere un dialogo con i potenziali clienti.

È interattivo

Dai ai visitatori la chance di vedere da vicino prodotti e prototipi presentando dei campioni e rispondendo alle loro domande. Potresti anche fornire dei tablet o dispositivi con touchscreen coi quali scoprire i prodotti e familiarizzarsi con il tuo brand.

Offre tante informazioni da portare via

Le fiere sono tra i pochi luoghi dove le persone prendono volentieri i materiali promozionali. Ed è per questo che ti serviranno Cartoline, Biglietti da visita e Adesivi super accattivanti.

Se nel tuo team non c’è un designer, puoi chiedere a un freelancer di realizzare gli annunci dei prodotti e gli inviti all’evento, forse la stessa persona che si occuperà dello stand, se hai deciso di avvalerti di un professionista esterno.

Potresti inserire un modulo di iscrizione nel tuo notiziario per tenere aggiornati i tuoi nuovi contatti.

4. Stabilisci un contatto positivo con i visitatori

Alla gente fa piacere stare con persone positive, quindi perché non fare in modo di mettere a loro agio i partecipanti alla fiera?

 

Gli eventi offrono un’ottima opportunità di far sentire la voce del tuo marchio. Poiché il tuo obiettivo principale dovrebbe essere la  soddisfazione dei clienti, ti consigliamo di far lavorare allo stand delle persone amichevoli in grado di stabilire un rapporto positivo con i visitatori. Essi, infatti ricorderanno un’ottima interazione con un membro del tuo team più di ogni altra cosa.

Scopri con chi parli

Secondo TSNN, i partecipanti alle fiere rientrano in varie categorie: da quelli che dedicano la stessa attenzione a ogni stand a quelli che si concentrano solo sugli stand di loro interesse.

 

Se vuoi attrarre persone di diversi tipi, vale la pena conoscere questi gruppi e le loro motivazioni e, a questo fine, ti consigliamo di scegliere uno stile che incontri i gusti di tutti con uno stand dal design accattivante, display che attirano l’attenzione e personale amichevole. Allo stesso tempo, devi comunicare quello che hai da offrire a un pubblico più specializzato. Per attrarre ancora di più gli specialisti, puoi usare indizi come il marchio, il logo e la lingua dei messaggi di marketing.

Continua le conversazioni

Quando qualcuno visita il tuo stand, hai la chance di creare una connessione che può portare a nuove opportunità di business o collaborazione. Per arrivare a questo, però, devi mantenere una conversazione proficua, e passare da una chiacchierata informale a un dialogo più significativo. Ecco alcuni modi per farlo:

Sorridi e stabilisci un contatto visivo

Usa la comunicazione non verbale per dare il benvenuto alle persone che passano davanti al tuo stand e invitarle a fermarsi, e se lo fanno, stringi loro la mano e chiedi il nome.

Approfondisci la conoscenza

Scopri perché sono venuti all’evento, come lo trovano e le cose che finora sono loro piaciute di più. Oltre a parlare direttamente della tua attività, cerca di scoprire dove hanno studiato, i loro obiettivi e hobby. Potrebbero sembrare chiacchiere di poco conto, ma sono utili per stabilire una connessione personale.

Cerca i potenziali clienti

Alcuni visitatori hanno più possibilità di altri di diventare connessioni proficue. Per questo motivo ti suggeriamo di fare domande tipo: “Ha sentito parlare dei nostri prodotti?” o “Utilizza già X?” Inoltre, il badge che portano potrebbe indicare se possono essere interessati al tuo business. E se lo sono, puoi approfondire la conversazione parlando di ciò che hai da offrire.

Porta avanti il dialogo

Prima di finire la chiacchierata, decidi come restare in contatto con i potenziali clienti, sia che si tratti di chiedere loro di seguirti o connetterti con te sui social media, ottenere il loro indirizzo email o scambiarsi Biglietti da visita.  

 

5. Dai seguito ai contatti stabiliti allo stand

L’ultima tessera del puzzle? Contatta i potenziali clienti per dire loro che ti piacerebbe restare in contatto ed esplorare l’eventualità di collaborare. Ecco come effettuare un follow-up efficace dopo l’evento.

Agisci metodicamente.

Dopo l’evento, ti ritroverai con una pila di biglietti da visita o un lungo elenco di nomi e indirizzi email, ed è proprio in questo momento che possono sorgere problemi, a meno che tu non abbia un preciso piano per il follow-up. Un’opzione è raccogliere tutti i nomi e i dati in uno spreadsheet e assegnarli ai membri del tuo team, in modo che ogni persona sia responsabile per i propri contatti e anche i contatti non riconducibili a nessuno in particolare non vadano persi.

Abbina il messaggio al mezzo

Se decidi di dare seguito ai contatti per email o per posta, ti consigliano il formato lettera, mentre se userai i social, il messaggio dovrà essere più breve e meno formale. Una telefonata può essere più informale e personale, ma deve avere un obiettivo preciso e portare a un incontro, altrimenti sarà presto dimenticata.

Tieni conto del periodo di 48 ore di follow-up

Per evitare che si scordino di te, dovrai contattare i potenziali clienti entro 48 ore, così ti avranno ancora in mente e avranno avuto la possibilità di rilassarsi e assorbire tutto ciò che hanno visto e appreso alla fiera.

Ringrazia sempre

Puoi dare al tuo follow up la forma di una lettera o di un messaggio di ringraziamento. Concentrandoti sui vantaggi che hai tratto dalla conversazione con loro, potrai stabilire una connessione positiva. Inoltre, secondo i principi della psicologia, sapendo di averti fatto un favore, è probabile che tu gli piaccia di più.

Personalizza i messaggi post evento

Menziona un dettaglio personale emerso durante la vostra conversazione o sull’evento in generale per rinfrescare la loro memoria e ricevere una risposta. D’altronde, data l’ubicazione ottimale del tuo stand, gli ottimi materiali stampati a disposizione e la preparazione del personale, come potrebbero aver dimenticato?

Vuoi passare a un livello superiore? Prova a entusiasmare il pubblico con il public speaking.

0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Please keep comments on-topic and be nice to people. We don't like moderating, but inflammatory, or otherwise inappropriate comments will be deleted. Repeat offenders sent to the MOO dungeons.

14 modi di trovare nuovi clienti

Se lavori in proprio o stai avviando un’attività, l’acquisizione di nuovi clienti è...

7 minuti richiesti

7 benefici del co-working per le start up

Hai scoperto che il tavolo della cucina non basta più. Il co-working ti dà lo spazio che ti serve...

4 minuti richiesti

Il servizio ai clienti: 3 consigli per le nuove aziende

Un ottimo servizio ai clienti è un fattore cruciale per rendere un’azienda competitiva. Ecco tre...

7 minuti richiesti