July 21, 2017

Manda un po’ d’amore con Hand Plus Heart

Scopri come Marianna Peragallo, titolare di Hand Plus Heart, ha trasformato la sua passione per i biglietti d’auguri in un negozio online di successo.

Marianna Peragallo è la favolosa artista dietro al business di biglietti d’auguri Hand Plus Heart. La passione di Marianna, che lavora e vive a New York, è nata alle scuole superiori, dove creava biglietti per tutte le occasioni. Qui ci racconta come ha trasformato quest’hobby in un negozio online di successo, e condivide alcune delle storie dietro ai suoi design preferiti.

Parlaci della tua attività, da dove nasce il nome?

Tutto ha avuto inizio quando ho cominciato a creare biglietti personalizzati per amici e parenti alle scuole superiori. Hand Plus Heart è cresciuta fino a diventare un negozio online con una collezione di biglietti dai messaggi arguti e profondi (con delle referenze alla cultura pop) per tutte le occasioni. La maggior parte dei biglietti sono disponibili in toni di carnagione diversi: volevo che fossero personalizzabili, inclusivi e progressisti.

  • Hand Plus Heart greeting cards
  • Hand Plus Heart cards

Quando ho iniziato a cercare un nome per il negozio ho pensato ai miei soggetti, e al processo: i miei disegni sono spesso di mani che fanno qualcosa (che tengono un mazzo di fiori, una bottiglia di vino, un’altra mano ecc.). I miei design sono fatti a mano, e di solito s’ispirano a persone specifiche, quindi i biglietti provengono da un luogo che mi sta a cuore. Un giorno mi è venuto in mente il nome Hand Plus Heart (mano più cuore) e da allora l’ho utilizzato.

Come ti sei ritrovata a creare biglietti d’auguri?

Creo biglietti da quando sono piccola. Durante gli anni delle superiori i miei amici mi chiamavano ‘Stampante Mashbomb’, perché nei messaggi il mio nome veniva corretto dai telefoni come Mashbomb, e perché creavo biglietti per tutte le occasioni… Forse avrei dovuto chiamare il negozio Mashbomb!

Ho cominciato a sviluppare lo stile di Hand Plus Heart all’inizio del 2016. Questo periodo coincide con un altro progetto di disegno su cui stavo lavorando, ‘The Remembrance Archive’, che è stato molto pesante. Sono un’artista visiva che si concentra sul disegno, ma lavoro anche su progetti d’arte con un’estetica completamente diversa da quella di Hand Plus Heart. Creare i biglietti era uno sfogo creativo e divertente che mi dava spazio per riflettere e portare sorrisi alla gente. Entro ottobre 2016 avevo già una vasta gamma di biglietti e decisi di creare un sito web da utilizzare come portfolio commerciale e negozio, separatamente dal mio sito web artistico.

 

Cosa facevi prima di lavorare in proprio, e da dove sono arrivate la motivazione e l’ambizione per dare vita al tuo business?

Prima lavoravo nello studio di un altro artista come manager; me ne sono nadata per dare più spazio al mio lavoro personale. Hand Plus Heart è soltanto uno dei miei progetti, e il negozio mi sembrava un passo ovvio da prendere appena mi sono resa conto della quantità di biglietti che avevo creato. Ad essere sincera non sono per niente una donna d’affari, ma mi piace avere nuovi progetti e condividerli con la gente, e per questo ho creato il mio sito web!

Cerco di creare opere che attirino l’interesse della gente e tocchino i loro sentimenti. Creare mi dà piacere e soddisfazione, e il prospetto di fermarmi mi rende ansiosa, per questo mi ritrovo a creare costantemente. Forse non è del tutto sana come motivazione, ma è reale.

Alcuni dei tuoi biglietti hanno una storia specifica: quello “Chiamate perse dalla mamma” è brillante e tutti ci si possono ritrovare. Prendi ispirazione dalle esperienze personali?

Sì, la maggior parte dei miei biglietti s’ispira alla mia vita e ad amici e parenti. Includo spesso un piccolo racconto quando pubblico fotografie di nuovi biglietti sull’account Instagram di Hand Plus Heart. Il biglietto Missed Calls From Mom (Chiamate perse dalla mamma) è uno dei miei preferiti, l’ho creato per la Festa della mamma. È da un po’ che non trovo una pila di chiamate perse da mia mamma, ma a mio fratello succede ancora ogni tanto.

Mi fa ridere, perché quando la richiamo lei mi chiede preoccupata “DOV’ERI!?” e a volte vorrei risponderle: “Stavo morendo! Meno male che mi hai chiamato un milione di volte o non sarei mai sopravvissuta per richiamarti!” Invece dico sempre: “Scusa… stavo preparando la cena”. Siamo amiche e ci parliamo spesso, quindi la posso prendere un po’ in giro!

Le tue illustrazioni fanno molti riferimenti alle meme e alla cultura di internet. Cosa ti piace di quest’aspetto? Crei prima il messaggio o le illustrazioni?

Di solito ho in mente un’occasione o una persona in particolare, e butto giù le idee come vengono. Il messaggio e il disegno spesso arrivano insieme. A volte utilizzo riferimenti alle immagini delle meme, come nel biglietto di Rizzo di San Valentino o quello di Mean Girls di Natale. Uso le emoji senza ritegno nelle conversazioni, quindi ovviamente sono arrivate ai miei biglietti. Detto ciò, di solito sono sempre l’ultima a scoprire i nuovi trend di internet! Le immagini e i testi che scelgo riflettono più la mia sensibilità e umorismo che l’interesse nella cultura internet.

Qual è il tuo biglietto preferito, e perché?

Uno dei miei biglietti preferiti è un disegno di Rizzo del film Grease seduta su una panchina che dice “San Valentino? Che rottura.” Guardavo Grease tutti i weekend quando ero bambina e adoravo Rizzo. L’ho disegnato come biglietto di San Valentino per me stessa, anche se in realtà non mi dispiace davvero come “festa”.

Che reazioni provocano i tuoi biglietti? È mai successo che uno dei tuoi biglietti abbia fatto la differenza in una situazione delicata?

Ricevo reazioni positive ai biglietti. I parenti e gli amici si emozionano quando capiscono che dei disegni si ispirano a loro. L’opzione delle carnagioni diverse piace molto. Un’amica mi ha detto che prima non si era mai ritrovata nei biglietti, ed è stato bellissimo per lei poter regalare a sua madre un biglietto che sembrava venisse proprio da lei.

Come promuovi il tuo marchio? Utilizzi i social media per lavorare sulla riconoscibilità del marchio?

I social media sono la forma principale di promozione e sto imparando moltissimo sulla pubblicità atttraverso Facebook e Instagram. Amo anche partecipare ad eventi come quello alla Art Helix Gallery, e conoscere gente di persona.

MOO ha il compito importantissimo di stampare i tuoi design, perché ci hai scelti?

Printfinity è senza dubbio uno dei miei aspetti preferiti di MOO. La mia attività è molto piccola, e ciò mi permette di ordinare biglietti con carnagioni diverse senza dover ordinare troppi prodotti. La qualità del cartoncino e della stampa è consistente e fantastica, e il servizio clienti è imbattibile. I miei design sono in buone mani con MOO.

Quali sono i tuoi prossimi passi?

Ci sono sempre nuovi biglietti in vista, e ho intenzione di aggiungere alcune borse di tela. Sto anche lavorando su alcuni progetti personalizzati con Hand Plus Heart, quindi spero di accrescere anche quell’aspetto del business. E inizierò un programma Master di Belle Arti alla School of Visual Arts di New York in autunno!

Che consigli daresti agli aspiranti imprenditori che vogliono dare vita al proprio business?

Hand Plus Heart è un divertimento. Non avevo nessuna intenzione di ottenere dei profitti con questi biglietti… Mi rendo conto che non è un consiglio molto saggio, ma forse non essere sotto pressione per fare profitti fin da subito dà i suoi frutti.

Non importa quanto piccolo sia, dare vita ad un business richiede tempo e pazienza. Ci sono stati tantissimi dettagli da programmare all’inizio: trovare una piattaforma web, fare fotografie dei biglietti, creare un account Instagram, trovare le confezioni adatte, decidere i costi di spedizione, ecc. Ci sono volute molte settimane in più di quel che avevo anticipato. Ma, dato che era un progetto che facevo per piacere personale, non mi sono preoccupata.

Ho chiesto ad amici e parenti di darmi il loro feedback e ho migliorato ciò che potevo, lo faccio sempre con il mio lavoro. Mi sento fortunata ad avere intorno persone così generose e pazienti. Cerco di mantenere Hand Plus Heart a basso costo e bassa manutenzione per poterlo seguire. L’importante è creare dei biglietti divertenti e fare ciò che mi piace.

Vuoi creare dei biglietti d’auguri personalizzati? Mettiti all’opera

0

I commenti sono chiusi.

Come Monotype ha rivoluzionato la tipografia nell’era digitale

Scopri come Monotype ha portato la tipografia nel 21° secolo.

September 20, 2021

NAIL: l’agenzia che “non ama la pubblicità”

NAIL ha spiegato a MOO come realizza le sue campagne virali.

July 27, 2021

Riflessi di me: Soofiya e l’autorappresentazione

L’artista ed educatrice Soofiya esplora i temi del genere e dell’identità.

July 1, 2021