April 4, 2018

Panopli, un mercato globale dedicato agli artisti

Su Panopli artisti e designer hanno la possibilità di mettere a frutto il proprio talento, vendendo (e guadagnando) senza tanti grattacapi.

Creatività e fiuto per gli affari non vanno a braccetto – o almeno questa è l’opinione comune. Ma per gli imprenditori francesi Maxime Delmotte e Adrien Salamon, mettere le proprie conoscenze in fatto di economia al servizio della comunità dei designer è stata un’idea vincente.

È così che è nato Panopli, uno spazio virtuale dove artisti di tutto il mondo hanno la possibilità di vendere le proprie opere sotto forma di stampe d’arte, T-shirt e shopper.

Abbiamo scambiato due parole con Adrien: vi raccontiamo cosa ha spinto i due soci ad applicare il loro talento commerciale al mondo dell’arte, e come siano riusciti a farsi un nome tra artisti e acquirenti.

Come mai due studenti di economia si sono ritrovati coinvolti nel mondo dell’arte?

Io e Maxime, il cofondatore di Panopli, ci siamo conosciuti al primo anno di economia. Condividevamo non solo la casa, ma anche la passione per l’arte (pur non essendo artisti). Ci chiedevamo: come possiamo mettere le nostre conoscenze di economia al servizio di talenti creativi?

A furia di parlarne, abbiamo messo in piedi un’organizzazione studentesca per aiutare gli artisti a finanziare i propri progetti. Offrivamo anche servizi di contabilità e strategie di marketing. Nel giro di due anni eravamo già coinvolti in oltre venti progetti fra concerti, mostre e registrazioni di album.

Cosa vi ha convinto a espandere gli orizzonti?

Dopo la laurea ci siamo trasferiti al Cairo all’interno del team dei fondatori di Jumia (l’equivalente egiziano di Amazon). Quando siamo arrivati eravamo in dieci, quando siamo andati via in 150. Oggi Jumia è l’azienda trainante dell’e-commerce in Egitto.

Un’esperienza fondamentale, che ha rafforzato il sogno di unire le nostre due grandi passioni: il design e l’e-commerce. Così abbiamo deciso di tornare in Francia e abbiamo dato vita a un sito Internet pensato per aiutare i talenti creativi a vendere le proprie opere attraverso soluzioni di e-commerce alla portata di tutti.

Abbiamo creato Panopli.co perseguendo uno scopo ben preciso: aiutare gli artisti a guadagnare di più. Così facendo, loro possono dedicarsi al loro forte (creare), mentre a tutto il resto ci pensiamo noi.

Come funziona Panopli?

Il nostro obiettivo era creare un servizio dedicato, pensato per dare ad aziende come Cantoche o come Neon, due case di produzione europee, la possibilità di vendere prodotti di fascia alta basati sui propri design, ad esempio T-shirt e stampe d’arte. I prodotti hanno provenienza locale, e la stampa avviene su richiesta nei nostri workshop in Francia.

I venditori della nostra community si fanno pubblicità tramite i rispettivi store e sui social network. In aggiunta, mettiamo a loro disposizione un team apposito che li aiuta a promuovere le vendite, e organizziamo webinar dedicati agli artisti sulle tematiche del marketing.

Dopodiché il nostro team si occupa di realizzare, confezionare e spedire tutti gli oggetti commissionati per conto degli artisti, risparmiando loro l’incomodo di acquistare le scorte o fare avanti e indietro dall’ufficio postale.

L’unico esborso che riceviamo dai venditori è il costo di produzione del singolo prodotto. Abbiamo dedicato un anno intero a dare vita a questo servizio, ma oggi possiamo affermare con orgoglio che migliaia di artisti talentuosi lo utilizzano per vendere le proprie opere sotto forma di svariati prodotti.

Cosa vi motiva a insistere?

Su Panopli ci sono graphic designer che adesso si possono concedere il lusso di dire “no, grazie” a progetti gravosi, sapendo di poter contare sugli introiti provenienti dal negozio.

Alcuni usano questi guadagni extra per rinnovare l’arredamento dell’ufficio, altri per finanziare le mostre, e altri ancora per prendersi una vacanza. È bello sapere che grazie a noi gli artisti hanno più tempo per dedicarsi alle loro creazioni.

A sentir loro, siamo noi a sobbarcarci il lavoro sporco: creiamo gli shop online, realizziamo i prodotti, li inviamo, gestiamo il servizio clienti… Ma per noi questa è la parte facile: il grosso lo fanno loro.

In che modo utilizzate i prodotti MOO per la promozione dell’attività?

MOO ci è utile in moltissimi modi. Tanto per cominciare, non andiamo mai in giro senza i Biglietti da visita. Visitiamo tantissimi eventi, mostre, concerti, e incontriamo di continuo persone interessate a creare T-shirt a marchio o in cerca di una soluzione per vendere merchandising online.

In più, molti dei nostri venditori usano MOO per farsi promozione. Balibart, uno dei venditori più famosi che abbiamo in Francia, ha inventato una campagna molto originale: per ogni foto dei nostri prodotti con hashtag #balibartsengage pubblicata su Instagram o su Facebook, Balibart regala un prodotto a un’istituzione benefica francese. Per fare pubblicità alla campagna hanno scelto i Flyer, che alleghiamo a tutti gli ordini effettuati sul nostro sito.

E come non menzionare gli Adesivi? Li adoriamo, tanto che li appiccichiamo ovunque – confezioni, pc, smartphone…

Cosa consiglieresti a un creativo che desidera vendere le proprie opere?

Innanzitutto, direi che è più facile di quanto si creda. Non c’è niente da perdere, anzi, c’è la possibilità di generare guadagni in breve tempo.

Ai nostri venditori consigliamo di sfruttare i social network, di interagire con i clienti per capire cosa vogliono davvero. È importante anche fare squadra con altri artisti: collaborando si promuovono i progetti di entrambe le parti, e spesso e volentieri ci si diverte!

Chi l’ha detto che fare affari è noioso? Dai un tocco di creatività al tuo business con i nostri Biglietti da visita, Flyer e Adesivi!

0

I commenti sono chiusi.

Come Monotype ha rivoluzionato la tipografia nell’era digitale

Scopri come Monotype ha portato la tipografia nel 21° secolo.

September 20, 2021

NAIL: l’agenzia che “non ama la pubblicità”

NAIL ha spiegato a MOO come realizza le sue campagne virali.

July 27, 2021

Riflessi di me: Soofiya e l’autorappresentazione

L’artista ed educatrice Soofiya esplora i temi del genere e dell’identità.

July 1, 2021