July 10, 2018

Come Momofuku ha creato un brand di ristorazione internazionale

Anche se ha dato vita a vari brand internazionali, Momofuku è un marchio molto amato dai clienti. Come ci è riuscito?

Questa società di ristorazione conta 11 ristoranti a pieno servizio, 5 takeaway Fuku e 13 Milk Bar (prodotti da forno) in tutto il mondo. Nonostante la loro offerta culinaria vari dai panini al pollo fritto di Fuku ai piatti da due stelle Michelin che si possono gustare da Momofuku Ko, questi ristoranti vantano tutti una clientela fedelissima.

Con così tante attività diverse, com’è riuscita questa società a mantenere una identità di brand omogenea? Per scoprirlo, abbiamo parlato con Marguerite Mariscal, Vice presidente Brand & Design di Momofuku.

Momofuku's founder, David Chang

Le origini

Il Momofuku Noodle Bar ha aperto a Manhattan nel 2004, subito dopo il ritorno dello chef David Chang dal Giappone, dove ha avuto l’idea di applicare tecniche di alta cucina a piatti umili come il ramen.

Rivisitando il concetto della ristorazione giapponese tradizionale con l’aggiunta di ingredienti locali americani, il Momofuku Noodle Bar ha iniziato a proporre una cucina totalmente innovativa.

Momofuku Noodle Bar

E questo spirito innovativo caratterizza tutti i ristoranti, indipendentemente dalla fascia di prezzo. “Penso che sia questo che ne fa un brand”, ci ha detto Mariscal. “Tutti i nostri ristoranti hanno dei clienti molto fedeli, quindi evidentemente non è solo il nostro cibo che li appassiona. Abbiamo preso la decisione consapevole di unificare il branding dei nostri ristoranti. ”

Che cosa significa il nome Momofuku? “In giapponese, significa “pesca fortunata””, ci ha spiegato Mariscal. “A Chang è piaciuto il fatto che non avesse molto senso.”

Una grande famiglia

Abbiamo chiesto a Mariscal come fa Momofuku a riunire numerosi ristoranti diversi sotto lo stesso brand. Secondo lei, un tema che li accomuna è la qualità. “Indipendentemente da ciò che offriamo, cerchiamo di fornire la versione migliore disponibile sul mercato”, ci ha spiegato Mariscal. “Al centro, c’è sempre il cibo.”

  • Photo credit: William Hereford
  • Photo credit: Alan Richardson
  • Photocredit: Anthony Mair
  • Photo credit: Zack DeZon

Questo approccio comune al cibo è sicuramente l’elemento che consente a Momofuku di trasformare i clienti in fan dei suoi ristoranti. “A chi piace il Noodle Bar, probabilmente piace anche il Ssäm Bar, poiché hanno lo stesso atteggiamento e approccio, cambia solo la forma”, ci ha spiegato Mariscal. “Tramite i social media o gli altri materiali di marketing, cerchiamo sempre di esprimere un branding coerente. Ci sono solo delle variazioni, tra un ristorante e l’altro.”

Un brand unificato

Con così tanti locali, Momofuku oggi impiega oltre 1000 persone in tutto il mondo. Come ci ha spiegato Mariscal, realizzare una cultura unificata con una forza lavoro così internazionale non è stato facile.

“Il metodo con cui all’inizio comunicavamo i nostri valori non basta più quando il numero dei ristoranti cresce esponenzialmente”, ci ha detto Mariscal. Per risolvere questo problema, Momofuku propone a tutti i neoassunti il corso “Momo-101”, durante il quale il personale ha la chance di incontrare Dave e parlare con lui direttamente.

  • Momofuku's Las Vegas restaurant. Photo credit: Gabriele Stabile
  • CCDC in Washington DC. Photo credit: Gabriele Stabile
  • Momofuku Ko in Manhattan. Photo credit: Zack DeZon

“Dave spiega la storia della società e i nostri valori”, ci ha detto Mariscal. “Non si tratta di dire alle persone che cosa fare o come comportarsi, quanto di fornire loro degli esempi concreti di come lavoriamo.”

L’obiettivo del team di Momofuku è consentire al personale di prendere buone decisioni e anche di commettere quelli che definiscono “errori intelligenti.” In altre parole, i collaboratori sono incoraggiati a superare i limiti e a prendere decisioni importanti.

“Se tengono al loro lavoro e a quello che facciamo qui, si assumono la responsabilità delle proprie decisioni”, ci ha spiegato Mariscal. Momofuku vuole dei collaboratori che non sono mai soddisfatti e che vogliono continuare a migliorarsi. “I nostri menù e il servizio sono in costante cambiamento”, ci ha detto Mariscal. “Tutto rientra in questo nostro modo di fare le cose.”

Il futuro del marchio

In quasi tutti i ristoranti Momofuku ci sono Biglietti da visita a disposizione dei clienti. Perfino i capi chef ne sono provvisti. “È un tocco personale che consente loro di interagire con gli ospiti e invitarli a tornare”, ci ha detto Mariscal.

Il design dei biglietti varia a seconda del ristorante. “Dato che abbiamo ristoranti di ogni tipo, da quelli che servono cucina raffinata a quelli tipo fast food, abbiamo bisogno di stili diversi all’interno di uno stesso tema. È per questo che apprezziamo molto i Servizi Aziendali MOO”, ci ha spiegato Mariscal. “Ci danno la flessibilità che ci serve per esprimere la personalità unica di ogni ristorante, ma anche del brand Momofuku in generale.”

0

I commenti sono chiusi

L’arte del gestire un’attività fuori orario con Geo Heaven

Creare un’attività redditizia e di successo è una sfida entusiasmante: devi avere una visione...

4 minuti richiesti

Diventare una star di Instagram: questa pittrice ce l’ha fatta

Kia Cannons è una grande fonte di ispirazione: scoraggiata dal dipingere, l’artista ha...

7 minuti richiesti

Riflessi di me: Soofiya e l’autorappresentazione

MOO ha incontrato Soofiya, artista, educatrice e tutor di Friday Night Sketch, per parlare dei suoi...

4 minuti richiesti