July 23, 2018

Spedizione gratuita: sì o no?

Per i negozi online le spedizioni sono un grosso onere. Con la strategia giusta, però, è possibile accontentare i clienti senza andare in perdita.

Diciamoci la verità: le spese di spedizione non piacciono a nessuno e, infatti, molti negozi online non le prevedono. Ormai i consumatori si aspettano che un e-store offra la stessa convenienza del negozio sotto casa, dove le spese di spedizione o di reso sono pari a zero. I rivenditori online praticano una concorrenza serrata per garantire al cliente i migliori servizi di shopping possibile e, al tempo stesso, cercare di far quadrare i conti.

Ecco le modalità di spedizione più diffuse. Quale sarà la strategia migliore per il tuo business?

  1. Spedizione in base al peso

È l’opzione più trasparente: il cliente si fa carico delle spese di spedizione e di confezionamento. In questo modo le spese di spedizione sono indipendenti da guadagni e perdite. Una soluzione favorevole in termini amministrativi, che consente inoltre di applicare prezzi favorevoli: viene infatti meno la necessità di ritoccare al rialzo i prezzi per compensare o ridurre le spese di spedizione. Il rovescio della medaglia? I clienti potrebbero essere poco propensi ad acquistare prodotti ingombranti o quantità massicce, specie se la merce venduta è pesante. Insomma: per spedire Cartoline è il metodo ideale, ma se vendi ceramiche… Lascia perdere!

2. Spedizione a costo fisso

Applicare una quota fissa per le spedizioni semplifica le cose tanto al venditore quanto ai clienti. Più prodotti si acquistano per un singolo ordine, più la spedizione a costo fisso è conveniente. Prodotti pesanti o ingombranti possono far lievitare i costi per il venditore, ma con un po’ di fortuna la somma pagata dal cliente compenserà la spesa. Ricorda che se i tuoi articoli partono da luoghi diversi (ad esempio nel caso del dropshipping) le spese di spedizione a costo fisso si riveleranno una scelta ben poco conveniente.

Preparing packages

3. Spedizione gratuita su tutti gli articoli

L’opzione più ambita dai clienti: chi mai direbbe di no alla consegna gratuita? Per un venditore, proporre almeno un’opzione di spedizione sempre gratuita significa scongiurare il rischio che il cliente faccia dietrofront quando si trova davanti il totale compreso di spese, e decida di annullare l’operazione prima del pagamento. Tuttavia spesso per riassorbire i costi della spedizione gratuita è necessario alzare i prezzi leggermente al di sopra della media di mercato.

4. Spedizione gratuita con un minimo d’acquisto

Una delle scelte preferite dai negozianti: superato un certo limite, ad esempio 40 €, la spedizione viene offerta gratuitamente, incentivando così il cliente a spendere di più. Non è raro che, per raggiungere il minimo d’acquisto necessario, ci si ritrovi nel carrello un piccolo extra non previsto. Con questa opzione si viene spesso a creare un effetto ancoraggio+: nel momento in cui approdano sull’e-store, i clienti si fanno l’idea di un budget da raggiungere. Se si riesce a calibrare a dovere il minimo di spesa, è possibile equilibrare l’offerta della spedizione gratuita con i guadagni extra derivati da transazioni di alto valore.

Parcel with business card

5. Abbonamento alla spedizione prioritaria

Alle opzioni di spedizione standard si può affiancare una proposta di abbonamento che consente ai clienti di usufruire di spedizioni esclusive (ed, eventualmente, altri vantaggi) con il pagamento di una quota annuale. Il pioniere di questa strategia è stato Amazon, che ha introdotto il servizio Prime. Il modello è stato poi adottato, fra gli altri, anche da ASOS e dalla catena inglese di supermercati Morrisons. In questo modo si favorisce la fidelizzazione e si prospettano acquisti ricorrenti: il cliente, infatti, fa un investimento che conta di sfruttare acquistando frequentemente sul sito. Ricorda, però, che non tutti i clienti desiderano abbonarsi: offri sempre una gamma di spedizioni alternativa.

Lascia che sia il cliente a scegliere

Nulla ti impedisce di offrire diverse opzioni di spedizione, anche combinandole: puoi proporre spedizioni gratuite, un programma prioritario riservato agli iscritti, offerte speciali sulle spese di spedizione e altri servizi (ad esempio la consegna entro il giorno successivo o tramite raccomandata). I clienti sicuramente gradiranno la possibilità di scegliere fra diverse opzioni e, monitorando le loro preferenze, potrai perfezionare al meglio le strategie future.

Vuoi conoscere l’opinione dei clienti? Inserisci un Flyer in ogni pacco che invii: illustra le tue opzioni di spedizione e chiedi al destinatario di specificare le sue preferenze.

0

I commenti sono chiusi.

Gadget promozionali per coccolare i tuoi clienti

Scopri i segreti dei migliori gadget promozionali per diventare un mago del packaging.

October 7, 2021

Idee per cesti regalo aziendali per le festività natalizie

Cosa mettere in un cesto regalo aziendale? Segui la guida per alcune idee regalo uniche per le vacanze.

September 30, 2021

4 consigli chiave sulla coerenza del branding

Scopri di più sull’importanza di avere un brand chiaro e coerente e su come renderlo più efficace.

August 26, 2021