July 31, 2017

Da zero al successo: come crescere restando fedeli ai propri valori

Abbiamo incontrato UTH Studio, una società di Manchester che si occupa di design di interni, per parlare di branding e di come intende crescere mantenendo la propria identità di piccolo business.

Lo studio UTH, fondato nel 2016 da Liam e Olly, si occupa principalmente di commissioni nel campo dell’architettura d’interni e d’esterni, con la convinzione che le menti giovani sono le più creative, libere dalle pastoie della mentalità vecchio stampo. E i designer di UTH rispettano la missione aziendale: non progettare mai un ambiente in cui non vivrebbero, giocherebbero o lavorerebbero anche loro.

Liam e Olly si sono formati entrambi alla Manchester School of Art, dove si sono specializzati in design d’interni, ed è qui che è nato il loro talento per le riflessioni concettuali, il design e la cura dei dettagli su cui si fonda la filosofia del loro studio.

Dopo l’apertura, la loro attività è cresciuta rapidamente, ricevendo commissioni da tutto il mondo. Ma come riescono a restare con i piedi per terra, mantenendo la loro identità di piccolo business, e che consigli darebbero agli imprenditori con un approccio simile al loro?

Parlateci un po’ di UTH Studio

Olly: UTH è uno studio che si occupa di design d’interni a Manchester. Io e Liam abbiamo avviato quest’attività nel 2016 con l’intento di cambiare la percezione del design nel nord-ovest.

Liam: Sentivamo che Manchester era un po’ indietro rispetto a città come Londra per quanto riguarda il design e abbiamo colto l’opportunità di cambiare la situazione.

Come avete costruito il brand di UTH e come l’avete fatto conoscere?

Olly: L’abbiamo fatto gradualmente, con vari tentativi ed errori. Abbiamo rivisto e modificato parecchie volte la nostra strategia di branding chiedendoci: “Chi siamo? Cosa facciamo?”. Volevamo un brand che comunicasse l’identità nostra e del business.

Liam: Dal punto di vista grafico, ci siamo ispirati alla nostra passione per il design scandinavo, scegliendo un marchio semplice ed essenziale, che ci consenta di evolverci e adattarci.

Come dite voi, siete passati da zero al successo nel giro di alcuni mesi. Come pensate di mantenere la vostra identità di piccolo business man mano che vi espandete? Quali sono le cose che non volete cambiare?

Liam: Al centro di ciò che facciamo c’è il design di grande livello, il suo potenziale e ciò che può offrire. Vogliamo che il nostro brand mantenga una certa freschezza, e continueremo ad assumere collaboratori che la pensano come noi e con un approccio al design come il nostro.

Olly: Per noi la gestione della qualità è importantissima. Non vogliamo crescere troppo rapidamente. Vogliamo mantenere un ritmo che ci consenta di realizzare lavori di qualità sempre elevata, di cui andare fieri.

UTH come usa il brand per distinguersi e battere la concorrenza? E che ruolo hanno i prodotti MOO in tutto questo?

Liam: Abbiamo a che fare con una forte concorrenza ma ci piace l’essenzialità. Ci rendiamo conto di essere ancora all’inizio e quindi le nostre presentazioni sono semplici: preferiamo che siano i nostri lavori a parlare per noi. I nostri biglietti da visita hanno sfumature di un solo colore sul davanti, con il nostro logo lucido UV che esemplifica il fascino discreto del design, un concetto che riflette perfettamente la nostra identità.

Olly: I nostri biglietti da visita subiranno una costante evoluzione. Man mano che le tendenze cambiano, cambieremo i colori e le tonalità grazie alla soluzione Printfinity di MOO.

Che consigli dareste a degli aspiranti imprenditori che intendono avviare un’attività in un settore simile al vostro?

Liam: Abbiamo deciso di uscire dai soliti schemi: non volevamo finire l’università e fare carriera nella speranza di iniziare a fare progettazione. Il nostro lavoro ci appassiona e non volevamo aspettare la grande occasione, così abbiamo seguito il cuore e ci siamo messi in proprio, e finora ci è andata bene!

Quali sono i progetti più interessanti su cui state lavorando?

Olly: Stiamo lavorando a vari progetti, da Manchester al Medio Oriente. Abbiamo recentemente vinto un enorme progetto nel centro di Manchester che comprende bar, ristoranti e appartamenti. È davvero entusiasmante, e il programma continua a crescere. Inoltre, ha vinto il riconoscimento di “Progetto dell’anno”, quindi per noi è un risultato importante di cui siamo molto soddisfatti.

Liam: Abbiamo progettato uno spazio di lavoro a Liverpool e uno studio di arredamento a Manchester. Entro la fine del nostro primo anno, speriamo di aver completato i nostri lavori in Medio Oriente in modo da avere un portafoglio molto significativo con cui iniziare il secondo anno di attività.

0

I commenti sono chiusi

Riflessi di me: Soofiya e l’autorappresentazione

MOO ha incontrato Soofiya, artista, educatrice e tutor di Friday Night Sketch, per parlare dei suoi...

4 minuti richiesti

Lucy Jennings e il suo stile femminile e nostalgico

La designer grafica parla dei suoi consigli per i neolaureati, del tema della femminilità e dello...

4 minuti richiesti

NAIL: l’agenzia che “non ama la pubblicità”

Nail, un’agenzia pubblicitaria un po’ diversa, ha parlato con MOO di blocchi della pubblicità,...

4 minuti richiesti